Skip to content

LA VENDEMMIA

La vendemmia è la prima fase per la creazione del Metodo Classico Eli Brut, vinificato sia in bianco che rosato. Chardonnay, Pinot nero e un

10% di uve locali per il primo, solo Pinot nero in purezza per il secondo.

IMBOTTIGLIAMENTO

Dopo la prima fermentazione in acciaio, avviene il processo di imbottigliamento. Le bottiglie, quindi, vengo preparate per il loro viaggio

verso il cuore della montagna.

VERSO IL CUORE DELLA MINIERA

Le bottiglie vengono trasportate a mano all’interno dell’ex miniera di talco della val germanasca.

NASCITA DELLE BOLLICINE

Le bollicine che li caratterizzano nascono da una seconda fermentazione dopo quella cui sono

sottoposti tutti i vini. L’anidride carbonica – CO2- che si forma con l’alcol dall’attacco degli zuccheri

ad opera dei lieviti rimane imprigionata nella bottiglia. Per assumere i peculiari profumi, la finezza

olfattiva e l’eleganza di corpo questi vini devono affinare, rimanere sui lieviti per molto tempo. Noi

li lasciamo addirittura 36 mesi, in queste gallerie, a temperatura costante, al buio, nel cuore della

montagna.

PRESA DI SPUMA

Un periodo di riposo che si chiama presa di spuma, cioè formazione dell’effervescenza, essenza

stessa dello spumante. Eli Brut e Eli Brut Rosé acquisiscono il loro carattere in questi cunicoli

scavati dall’uomo per l’estrazione del rinomato talco “Bianco delle Alpi”. Un legame sentimentale

con l’attività di estrazione che, oggi, diventa sostenibilità enologica e turistica.

REMUAGE E DÉGORGEMENT

Non resta, passati questi lunghi mesi di apparente inattività delle bottiglie, che procedere al

remuage sui pupîtres. Le bottiglie vengono messe a testa in giù su appositi cavalletti di legno –

come quello che regge questo cartello – poi ruotate e inclinate fino a raggiungere la posizione

verticale dopo alcune settimane. Il risultato? La concentrazione, contro il tappo metallico

provvisorio, dei lieviti esauriti per eliminarli tramite il dégorgement: ossia il congelamento dello

stesso collo della bottiglia e successiva eliminazione della feccia. Quindi si rabbocca e la bottiglia è

pronta per essere dotata di tappo a fungo, gabbietta metallica e rivestita del suo abito più bello:

stagnola ed etichetta per festeggiare in scintillanti calici, in tante belle occasioni!

DAL CUORE DELLA MINIERA, UNA GEMMA DI TALCO CHE RACCONTA IL PIACERE INFINITO DELLA DEGUSTAZIONE

Eli Brut e Eli Brut Rosé: la filosofia de L’Autin, la forza delle nostre montagne, la delicatezza della

spuma e il piacere infinito della degustazione che si rinnova, ogni volta che si stappa il frutto del

nostro lavoro.